Home » Vodka Martini: la ricetta del drink a base di Vodka e Vermut dry

Vodka Martini: la ricetta del drink a base di Vodka e Vermut dry

Marco Molinari
Published: Last Updated on

La scena del cocktail è molto vasta, una serie di bevande che vanno dal dolce all’amaro, dal fresco al caldo, dal piacevole all’ardito. Ma tra tutte queste bevande, un cocktail spicca per la sua eleganza, il suo mistero e la sua associazione alla figura iconica dell’agente segreto più noto del mondo, James Bond: il Martini, detto anche Vodkatini.

Questo drink a base di vodka e vermouth, servito “agitato e non mescolato“, come l’agente 007 ama ordinare, si distingue per la sua superficie scintillante e il suo sapore secco. Nel corso di questo articolo, vi guiderò attraverso l’arte di preparare il Vodka Martini perfetto, discuteremo i dettagli di questa bevanda celebre e scopriremo i motivi del suo fascino.


CaratteristicaFatti Chiave
ABVCirca 29-30%
OrigineStati Uniti
PresentazioneServito in coppetta, spesso con scorzetta di limone o olive
Tipologia di BevandaCocktail a base di vodka / Long Drink
PreparazioneVodka e vermouth dry agitati nel mixing glass, quindi versati nella coppetta
IBASi
CuriositàLa ricetta del cocktail Vodka Martini è stata resa popolare da Ian Fleming nel romanzo di James Bond

La Storia del Vodka-Martini

La storia del cocktail Martini prende il via nel 1887 con la prima ricetta documentata da Jerry Thomas nel suo libro “How to Mix Drinks”. Thomas propose un cocktail equilibrato con parti uguali di gin e vermouth dolce. Questa miscela veniva agitata e non mescolata, poi filtrata in un bicchiere, creando così il Martini “dry”. Questa formula iniziale, con il suo sapore neutro e la presentazione elegante, ha segnato l’inizio della popolarità del Martini nel mondo dei cocktail.

Evoluzione del Martini: Il Contributo di Harry Craddock

Nel 1906, Harry Craddock apportò un cambiamento significativo nella storia del Martini attraverso la sua opera “The Savoy Cocktail Book”. In questo libro, Craddock introdusse una variazione che anticipava il moderno Vodka Martini. La sua ricetta consisteva in una combinazione di tre parti di gin e una di vodka, seguendo il classico metodo di preparazione del Martini: agitato e filtrato nel bicchiere. Questa evoluzione ha mostrato come il Martini potesse adattarsi e trasformarsi nel tempo, mantenendo sempre la sua essenza raffinata.

Variazioni e Costanza del Martini

Nel corso del tempo, il rapporto tra gin e vodka nel Martini ha visto numerose variazioni, con alcune ricette che preferiscono due parti di gin per una di vodka, mentre altre suggeriscono parti uguali di entrambi. L’aspetto cruciale in tutte le varianti è la temperatura: il Martini deve essere servito freddo e bilanciato nel gusto, evitando eccessi di dolcezza.

Nonostante la diversità delle varianti, la ricetta classica del Martini continua a essere celebrata come un’espressione dell’arte del cocktail. La chiave per un Martini eccezionale risiede nel rispetto delle sue basi, con l’aggiunta di un tocco personale, come la scorza di limone sulla superficie del cocktail, che ne esalta l’aroma senza alterarne il sapore caratteristico.

Ingredienti

Vodka

L’ingrediente più importante di un vodka martini è, ovviamente, la vodka. Per questo cocktail occorre utilizzare una vodka di buona qualità. A me piace usare Absolut o Grey Goose.

Ad alcune persone piace aggiungere un aroma al vodka martini, ma credo che questo allontani il sapore classico del drink. Se dovete aggiungere un aroma, scegliete qualcosa di delicato come la vaniglia o gli agrumi.

Vermouth secco

Il prossimo ingrediente di cui avrete bisogno è il vermouth secco. Si tratta di un vino aromatizzato che è stato fortificato con brandy e aromatizzato con erbe. È quello che dà al martini il suo sapore caratteristico.

Assicuratevi di acquistare un vermouth secco di buona qualità per il vostro martini. A me piace usare Martini & Rossi o Noilly Prat. Per questo cocktail è sufficiente una piccola quantità di vermouth secco. A me piace usare circa una parte di vermouth per quattro parti di vodka, ma potete regolare il rapporto a vostro piacimento.

Bitter

Alcune ricette per il martini prevedono l’aggiunta di bitter, ma non è indispensabile. Se volete aggiungere degli amari, scegliete qualcosa come Angostura o Peychaud’s. Iniziate con poche gocce e aggiungerne altre se pensate che ne abbia bisogno. Non si vuole che la bevanda sia troppo amara.

vodka martini cocktail ricetta originale

Ricetta del Vodka Martini cocktail

Porzioni: 1 Tempo di preparazione: Tempo di cottura:
Nutrition facts: 165 calories 0 grammi fat
Rating: 5.0/5
( 1 voted )

Dosi

  • 40 ml. di vodka 
  • 10 ml. di vermouth secco
  • Qualche goccia di amaro (facoltativo)

Istruzioni

  1. Riempire uno shaker da cocktail con ghiaccio.
  2. Aggiungere allo shaker la vodka e il vermouth secco.
  3. Aggiungere gli amari (facoltativi).
  4. Agitare bene.
  5. Filtrare in un bicchiere da Martini raffreddato.
  6. Guarnire con un twist di limone o con olive (facoltativo).

Varianti popolare del cocktail Vodka Martini

VarianteDescrizioneGuarnizione
Classic Vodka MartiniUna versione tradizionale con vodka e vermouth secco, che offre un gusto liscio.Fetta di limone
Dirty Vodka MartiniComprende vodka, vermouth secco e un tocco di salamoia di olive, caratterizzato da un sapore salato.Una o più olive
Espresso MartiniUn’audace combinazione di vodka, espresso, liquore al caffè e sciroppo semplice, con un gusto deciso e ricco.Chicchi di caffè
Lemon Drop MartiniUnisce vodka, succo di limone, Triple Sec e sciroppo semplice, offrendo un bilancio tra dolcezza e acidità.Bordo zuccherato e twist di limone
AppletiniUna dolce e fruttata miscela di vodka, grappa di mela acida e Triple Sec.Fetta di mela

Cocktails Simili al Vodka-Martini

NomeDescrizione
Vesper MartiniIdeato da James Bond, è una combinazione di gin, vodka e Lillet Blanc.
GibsonUna variante Martini, caratterizzata da una guarnizione di cipollina.
Dry MartiniTradizionale, con gin e vermouth dry, guarnito con un’oliva o una scorza di limone.
Dirty MartiniUn Martini impreziosito da succo di oliva per un sapore distintivo.
Black RussianUna miscela di vodka e liquore al caffè, servita senza guarnizioni.
CosmopolitanUn mix di vodka, triple sec, succo di lime e succo di mirtillo rosso.
GimletSemplice ed elegante, con gin e succo di lime, spesso con guarnizione di scorza di lime.

Consigli utili per preparare

  1. Utilizzate ingredienti di alta qualità: La qualità della vodka e del vermouth utilizzati influisce notevolmente sul sapore del Vodka Martini. Scegliete una vodka e un vermouth secco di alta qualità per ottenere i migliori risultati.
  2. Usate un bicchiere ghiacciato: Raffreddate il bicchiere da Martini nel freezer per almeno 15 minuti prima di servirlo. Un bicchiere ghiacciato manterrà il cocktail freddo più a lungo.
  3. Misurare con cura: Utilizzate un jigger o un misurino per assicurarvi di aggiungere la giusta quantità di ogni ingrediente. Il rapporto ideale per un Vodka Martini classico è di 2 parti di vodka e 1 parte di vermouth secco.
  4. Mescolare, non shakerare: A differenza della famosa frase di James Bond, l’agitazione del Vodka Martini diluisce il drink e crea un aspetto torbido. Mescolate invece delicatamente il cocktail con il ghiaccio per circa 30 secondi fino a quando non sarà ben freddo.
  5. Guarnite con un twist di limone o un’oliva: Il classico Vodka Martini viene servito con un twist di limone o un’oliva. Per creare un twist di limone, sbucciare una striscia di scorza di limone e girarla sul drink per rilasciare gli oli. Per guarnire un’oliva, basta infilzare una o più olive su uno stuzzicadenti e metterle nel drink.

Conclusioni

In conclusione, il Vodka Martini è un cocktail dal gusto secco, semplice ma raffinato, che merita sicuramente un posto nel ricettario di ogni barman. La perfetta armonia tra vodka e vermut dry, versati in un mixing glass con ghiaccio e agitati, non mescolati, è la chiave del suo sapore inconfondibile. Personalmente, trovo che sorseggiare questo cocktail sia un vero piacere, sia come aperitivo che come digestivo dopo una cena a base di carne. E, onestamente, chi non vorrebbe sentirsi un po’ come l’agente segreto più amato del mondo?

Consigliato per te

Lascia un commento

*Utilizzando il presente modulo si acconsente alla memorizzazione e al trattamento dei dati da parte di questo sito web.

Amazon Affiliate Disclosure

Cocktailfanatico.it partecipa al programma associati di Amazon Services LLC e riceviamo una commissione sugli acquisti effettuati tramite i nostri link.

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza. Con l'utilizzo del nostro sito accetti i cookie. Accetto Maggiori informazioni

Privacy & Cookies Policy