Home » Come shakerare un cocktail nel modo giusto

Come shakerare un cocktail nel modo giusto

Marco Molinari
Published: Last Updated on

Vi state chiedendo come shakerare i cocktail come un professionista? Se volete preparare bevande fresche come Vodka-Martini, Margarita e Negroni, dovete imparare a shakerare il cocktail perfetto!

Con pochi semplici consigli, potrete imparare questa tecnica di miscelazione e preparare a casa vostra deliziosi drink come i professionisti.

Vi spiegherò perché agitare alcuni cocktail invece di mescolarli, come farlo correttamente con cubetti di ghiaccio e uno shaker e per quanto tempo ogni drink deve essere agitato.

Perché shakerare i cocktail?

Perché i barman agitano i cocktail invece di mescolarli? Quando si agita un cocktail, si aerano e si mescolano gli ingredienti, dandogli una consistenza unica.

L’azione rapida dello shaker raffredda rapidamente tutti i componenti aggiunti, mescolando insieme componenti di diversa viscosità per ottenere il massimo del sapore.

Inoltre, il ghiaccio sciolto dallo shaker aiuta a diluire e a ridurre la percentuale totale di alcol in volume del drink. Al contrario, i cocktail mescolati impiegano più tempo a raffreddarsi, non aerano gli ingredienti e producono una minore diluizione del drink. Per realizzare perfettamente un cocktail d’autore, ricordatevi di sapere quando agitare e quando mescolare!

Stili di scuotimento

Per preparare il cocktail perfetto, lo shake è un’abilità essenziale che i barman devono possedere. Questa tecnica è un metodo rapido ed efficace per raffreddare e combinare gli ingredienti. Esistono quattro stili principali per shakerare i drink:

  • Shake standard – Gli stili di shake standard si riferiscono al modo tradizionale di agitare un drink miscelato. Il processo è semplice: basta unire gli ingredienti e i cubetti di ghiaccio in uno shaker per cocktail, quindi agitare per 10-12 secondi prima di versare l’intruglio!
  • Dry ShakeIl dry shake è una tecnica preferita dai barman per la preparazione di cocktail che richiedono l’uso di albumi. Questo metodo consiste nell’agitare prima gli ingredienti liquidi senza ghiaccio e poi in un’altra agitazione con l’aggiunta di ghiaccio. Questo processo produce una schiuma più forte e una consistenza più gradevole per i drink.
  • Reverse Dry Shake – Questo stile, noto anche come “two-step shake”, è un metodo di agitazione dei cocktail che richiede due fasi. In primo luogo, si agitano gli ingredienti insieme al ghiaccio per combinarli. Dopo aver filtrato e scartato i cubetti di ghiaccio, si agita nuovamente senza ghiaccio per creare una schiuma spumosa. Questa tecnica fornisce un ulteriore strato di consistenza ariosa e di sapore che non è possibile ottenere con un solo passaggio.
  • Hard Shake – La tecnica Hard Shake di Kazuo Uyeda è un movimento delicato ma intricato dello shaker. Consiste in tre punti di movimento distinti e richiede anni di pratica per essere davvero perfezionata. Anche gli esperti che hanno studiato sotto la guida di Uyeda trovano difficile padroneggiare le sottili sfumature di questo stile di scuotimento duro.

Se volete imparare a shakerare un cocktail in modo rapido ed efficace, questa guida in 7 passi è la risorsa perfetta! In meno di un minuto, sarete in grado di liberare il vostro maestro di mixologia interiore con l’aiuto di questa guida facile da seguire.

Il migliore shaker per cocktail
Barfly M37009AC
9.9/10Il nostro Punteggio

Come shakerare i cocktail

Tempo richiesto: 1 minuto

  1. Passo

    Raccogliere gli ingredienti e l’attrezzatura.

  2. Passo

    Riempire lo shaker o la vaschetta di miscelazione per metà con cubetti di ghiaccio.

  3. Passo

    Versare tutti gli ingredienti desiderati nello shaker o nel contenitore riempito di ghiaccio.

  4. Passo

    Raccogliere e chiudere bene lo shaker o il contenitore di miscelazione e iniziare ad agitare vigorosamente per assicurarsi che tutti gli ingredienti siano sufficientemente combinati.

  5. Passo

    Determinare quando si è raggiunta la temperatura desiderata. In sesto luogo, filtrare il cocktail shakerato attraverso un colino in un bicchiere pieno di ghiaccio fresco.

  6. Passo

    Filtrate il cocktail shakerato attraverso un colino in un bicchiere pieno di ghiaccio fresco.

  7. Passo

    Guarnire a piacere e gustare!

Per quanto tempo si deve agitare un cocktail?

Il tempo ottimale per agitare un cocktail è di 10-12 secondi. Agitare un cocktail lo raffredda molto più velocemente che mescolarlo, e dopo 15 secondi è scientificamente provato che il drink raggiunge il suo equilibrio relativo e quindi non diventa più freddo o secco.

Mescolando i drink con ghiaccio, invece, occorrono almeno due minuti per raffreddare correttamente la bevanda, anche se di solito se ne mescolano di meno, con il risultato di una minore diluizione ma anche di un cocktail non completamente raffreddato.

Consigli professionali per shakerare le bevande

Volete imparare a shakerare un cocktail come un professionista? Ecco alcuni consigli che renderanno il processo più facile e veloce:

  • Non usare troppo ghiaccio – Quando si preparano i cocktail, è importante non riempire troppo lo shaker con il ghiaccio. Troppo ghiaccio può impedire ai liquidi di mescolarsi e aerarsi correttamente, lasciando un drink non equilibrato. Per un cocktail perfetto, assicuratevi di lasciare un ampio spazio di movimento nello shaker.
  • Non siate troppo delicati – Non siate troppo delicati quando si tratta di agitare, usate un po’ di forza ma non troppa. Prendete il ritmo e muovete lo shaker con convinzione!
  • Afferrarlo saldamente – Per garantire che lo shaker sia ben sigillato e non si rovesci, è importante mantenere una presa forte su entrambi i pezzi dello shaker. Se utilizzate un Cobbler Shaker, mettete un dito sul tappo in modo che non si stacchi durante l’agitazione. Come per ogni altra abilità, anche per impugnare correttamente lo shaker occorre fare pratica, ma non lasciatevi scoraggiare dall’iniziare!
  • Agitare in alto e in basso – Per aerare al meglio la bevanda, si consiglia di agitarla in orizzontale. Agitare verso l’alto e verso il basso è meno efficace e può essere considerato sgradevole.
  • Allineare la lattina/il bicchiere – Per garantire che lo shaker sia facile da aprire e chiudere, assicurarsi di allineare le parti superiore e inferiore dello shaker su un lato in modo che tutto si incastri correttamente. Se non sono allineati correttamente, il coperchio o il barattolo potrebbero incastrarsi, rendendo difficile l’apertura. Pertanto, assicuratevi di allinearli correttamente prima di agitarli.

Scegliere il ghiaccio giusto

Quando si sceglie il ghiaccio giusto per i cocktail, c’è una cosa da ricordare: la qualità è fondamentale. I cubetti più piccoli si sciolgono più velocemente di quelli più grandi, quindi scegliete un tipo di ghiaccio di alta qualità che durerà più a lungo.

Inoltre, assicuratevi di verificare che i pezzi di ghiaccio presenti nel vostro drink non siano stati contaminati o conservati in un ambiente non igienico. 

Tenendo a mente queste linee guida, sarete in grado di preparare bevande con ingredienti di altissima qualità!

  • Preferite cubetti grandi – Se preferite che le vostre bevande rimangano fresche e non diluite, i cubetti di ghiaccio più grandi sono la soluzione migliore. I cubetti di ghiaccio più piccoli, infatti, tendono a sciogliersi più rapidamente, causando un’eccessiva diluizione della vostra bevanda preferita. Per fortuna, sostituendo i cubetti più piccoli con quelli più grandi si può evitare di bere bevande troppo diluite. Utilizzate gli appositi stampi per ottenere cubetti di ghiaccio di grandi dimensioni
  • Preferire il ghiaccio chiaro – I cubetti di ghiaccio di scarsa qualità appaiono torbidi e contengono bolle d’aria, che indicano una mancanza di purezza. È importante scegliere cubetti di ghiaccio chiari e di alta qualità, che si sciolgono lentamente e aiutano a mantenere il profilo di sapore delle bevande, anziché diluirle rapidamente.
  • Non usare ghiaccio tritato – Quando si tratta di preparare bevande, evitare l’uso di ghiaccio tritato o ghiacciato, a meno che la ricetta non lo preveda espressamente. Il ghiaccio tritato si scioglie rapidamente e diluisce la bevanda, quindi è meglio utilizzarlo in cocktail come il Mai Tai, Bramble e Mint julip che richiedono una particolare consistenza del ghiaccio

FAQ

Come si agita un cocktail come un professionista?

Per agitare come un professionista, riempire lo shaker con ghiaccio, aggiungere gli ingredienti, chiudere ermeticamente e agitare vigorosamente per circa 15 secondi.

Qual è lo standard per agitare i cocktail?

Lo standard prevede di agitare i cocktail per circa 10-15 secondi, o fino a quando lo shaker diventa freddo al tatto.

Perché si agitano i cocktail orizzontalmente?

Si agitano orizzontalmente per garantire una migliore miscelazione degli ingredienti e un raffreddamento più uniforme.

Perché si agita al contrario un cocktail?

Il reverse shake (agitazione al contrario) permette di ottenere una schiuma più densa e cremosa nei cocktail che contengono albumi.

Dovresti agitare a secco prima o dopo?

Nel metodo reverse shake, si agita a secco (senza ghiaccio) dopo aver agitato con ghiaccio.

Dovresti agitare a secco o bagnato per primo?

Tradizionalmente si agita prima a secco (senza ghiaccio), poi si aggiunge il ghiaccio e si agita nuovamente.

È meglio il reverse dry shake?

Sì, il reverse dry shake può dare una schiuma più densa e cremosa, migliorando la presentazione e la consistenza del cocktail.

Perché i baristi agitano le bevande sopra la spalla?

Agitare sopra la spalla consente un movimento più ampio e una migliore miscelazione degli ingredienti.

Dovresti agitare a secco un flip?

Sì, l’agitazione a secco aiuta a emulsionare l’uovo nel flip, dando al cocktail una consistenza più liscia.

Cos'è un reverse shake?

Il reverse shake è un metodo di agitazione che inizia con ghiaccio, seguito da un’agitazione a secco, per ottenere una schiuma migliore.

Conclusioni

Shakerare i cocktail come un professionista è più facile di quanto si pensi! Basta seguire alcuni semplici consigli. Agitare invece di mescolare dà un tocco unico ai drink: li mescola, li rinfresca e li rende super saporiti. Ci sono vari stili di shakerare, dallo shake standard al dry shake e all’hard shake.

Ah, e scegliete un ghiaccio decente e aggrappatevi bene allo shaker per evitare disastri. Seguendo una guida pratica di 7 passaggi, potrete sbizzarrirvi a preparare cocktail da professionisti, creando combinazioni personalizzate.

Shakerare i cocktail è come un’arte che vi permette di fare bevande fresche e super gustose, pronti a stupire i vostri amici con i vostri mix da barman esperto!

Consigliato per te

Lascia un commento

*Utilizzando il presente modulo si acconsente alla memorizzazione e al trattamento dei dati da parte di questo sito web.

Amazon Affiliate Disclosure

Cocktailfanatico.it partecipa al programma associati di Amazon Services LLC e riceviamo una commissione sugli acquisti effettuati tramite i nostri link.

Utilizziamo i cookie per migliorare la tua esperienza. Con l'utilizzo del nostro sito accetti i cookie. Accetto Maggiori informazioni

Privacy & Cookies Policy